Marcorino

Sulle mappe è indicata come C.na Marcorinasso. La casa ed i centenari pinus pinea dominano la collina. Qui il conte Guido Riccardi Candiani, proprietario del Castello e grande cultore delle scienze agrarie fece in collaborazione con il professor Dalmasso dell’Università di Torino sperimentazioni varie con vigne di pinot nero da spumante e con alcuni filari di arneis. Peccato che la guerra abbia impedito l’approfondimento dello studio dell’arneis sin da allora! Oggi nello spirito di continuità e di collaborazione con l’Università di Torino abbiamo piantato una vigna di Albarossa, incrocio voluto dallo stesso professor Dalmasso tra nebbiolo e barbera. La prima vendemmia è stata nel 2006 ed i risultati ci sorprendono ed entusiasmano. Le altre uve prodotte sono barbera e dolcetto che beneficiano anche loro della particolare positura della collina di Marcorino